Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio
18
Lun, Nov

In Svezia cresce la destra populista ma non sfonda

Politica Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

STOCCOLMA (SVEZIA) - Il primo ministro svedese Stefan Lofven ha detto che intende "restare al lavoro", dopo le elezioni che hanno segnato la peggiore performance del partito socialdemocratico, e invita al dialogo il centrodestra per formare un "governo forte" in grado di arginare gli estremismi.

"Il risultato non è ancora chiaro", ha detto riferendosi alla necessità di cucire alleanze per formare una maggioranza. "Sta ora ai partiti politici cooperare responsabilmente e creare un governo forte". "Un partito con radici naziste non potrà mai offrire nulla di responsabile", ha aggiunto. Le elezioni di ieri devono essere "il funerale della politica a blocchi" contrapposti centrodestra-centrosinistra.

Al momento, dice Lofven parlando ai suoi sostenitori, "l'atteggiamento più responsabile da tenere è di non fare speculazioni". Lo scrive l'edizione svedese di The Local. Il leader dei Moderati Ulf Kristersson, ha invitato Lofven a dimettersi, dicendo di aspettarsi il mandato per formare un governo. Il leader del partito populista e anti-immigrati Svedesi Democratici Jimmie Akesson ha parlato ai suoi sostenitori: "Abbiamo aumentato i nostri seggi in parlamento e faremo in modo di aver un enorme peso su ciò che accadrà in Svezia nelle prossime settimane, mesi ed anni", ha affermato, secondo quanto riporta il Guardian. Ha aggiunto di essere disposto a parlare con tutti i partiti e ha detto a Ulf Kristersson di scegliere se stare con gli Svedesi Democratici o con i socialdemocratici.

Il risultato delle elezioni svedesi è stato commentato positivamente dal ministro dell'Interno e leader della Lega Matteo Salvini per il quale "la Svezia patria del multiculturalismo e modello della sinistra, dopo anni di immigrazione selvaggia ha deciso finalmente di cambiare. Ora anche lì dicono no a questa Europa di burocrati e speculatori, no ai clandestini, no all'estremismo islamico".  Il voto svedese è invece stato letto diversamente dal deputato PD ed ex premier Paolo Gentiloni: "Ma se il trionfo nazional-populista, annunciato da giorni, alla fine non ci fosse? Vuoi vedere che agli svedesi interessa più difendere il welfare che cacciare i migranti?".