Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

Catalogna in caos per lo sciopero generale

Politica Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

BARCELLONA (SPAGNA) - La manifestazione è indetta dagli indipendentisti dopo la sentenza di condanna dei leader separatisti. La Sagrada Familia ha annunciato la sospensione di tutte le visite per via dello sciopero generale e dei cortei che andranno avanti a Barcellona per tutta la giornata. La prima delle cinque "Marce per la libertà" che sono partite da diverse zone della Catalogna, è arrivata in città dopo aver camminato per tre giorni da Vic e Berga. Gli altri cortei provengono Girona, Tarragona e Castelldefels.

Intanto l'ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont è stato rilasciato dopo essersi presentato volontariamente alle autorità belghe. "Sono stato rilasciato senza cauzione, resto a disposizione della giustizia belga. Non lascerò il Paese", ha detto ai media. Lunedì un giudice spagnolo aveva emesso un nuovo mandato di arresto internazionale per Puigdemont con l'accusa di sedizione e appropriazione indebita per la fallita secessione catalana dell'ottobre 2017.

All'aeroporto cittadino sono stati cancellati 46 voli. Nella notte, ci sono stati nuovi violenti scontri in tutta la regione. "Questa settimana abbiamo assistito a episodi di violenza da parte di gruppi minoritari ma ben organizzati. Le loro azioni non resteranno impunite", ha detto il ministro degli Interni spagnolo Fernando Grande-Marlaska in una conferenza stampa sugli scontri degli ultimi giorni.

Inoltre il "classico" incontro Barcellona-Real Madrid è stato rinviato. La partita non si giocherà il prossimo 26 ottobre. La federcalcio spagnola, dopo la riunione del comitato delle competizioni, ha ufficializzato il rinvio per ragioni di sicurezza alla luce degli scontri di questi giorni nella città catalana. I due club dovranno trovare un accordo per fissare la nuova data entro lunedì prossimo. Se non riusciranno a farlo, sarà la stessa Rfef a determinare il giorno in cui si giocherà il match.