Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

Siria potrebbe essere invasa da Turchia

Politica Mondo
Grafica

DAMASCO (SIRIA) - La Casa Bianca ha dichiarato che la Turchia si appresta a invadere la Siria settentrionale, rinnovando timori per il destino dei combattenti curdi alleati con gli Stati Uniti nella guerra all'Isis. Lo afferma Stephanie Grisham, responsabile della comunicazione della Casa Bianca, in una dichiarazione diffusa dopo un colloquio telefonico tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e quello americano Donald Trump. Nella nota si precisa che le truppe statunitensi "non sosterranno né saranno coinvolte nell'operazione" e "non saranno più nelle immediate vicinanze", cioè nel nord della Siria.

Non è chiaro se ciò significhi che gli Stati Uniti potrebbero ritirare i loro circa 1.000 soldati dalla Siria settentrionale. Un'ipotesi, quella del ritiro delle truppe americane, ventilata da Trump nello scorso dicembre ma accolta con sfavore da gran parte della comunità internazionale, secondo cui il ritiro comporterebbe l'abbandono dei curdi nelle mani dell'esercito turco"Alla luce dell'annuncio della Turchia e degli Usa sulla situazione in Sirial'Ue ribadisce la sua preoccupazione" e ricorda di avere sempre detto che "ogni soluzione a questo conflitto non può essere militare, bensì deve passare attraverso una transizione politica, in conformità alla risoluzione Onu ed il comunicato di Ginevra nel 2014". Così una portavoce della Commissione europea. "L'Ue ribadisce il sostegno all'unità, la sovranità e l'integrità territoriale della Siria", ha aggiunto.

Le Nazioni Unite si stanno "preparando al peggio" nel nord est della Siria, ha dichiarato il coordinatore Onu per le operazioni umanitarie in Siria, Panos Moumtzis sottolineando che le Nazioni Unite sono in contatto "con entrambe le parti sul campo". La nostra priorità, ha detto, è che qualsiasi eventuale azione della Turchia non abbia conseguenze sul piano umanitario. "É il momento per noi di sfilarci da ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali. É il momento di riportare i nostri soldati a casa". Lo twitta Donald Trump, dopo la decisione degli Usa di ritirarsi dal confine tra Siria e Turchia. "Combatteremo solo dove avremo benefici, e combatteremo solo per vincere. Turchia, Europa, Siria, Iran, Iraq, Russia e i curdi dovranno risolvere la situazione e capire cosa voglio fare con i soldati dell'Isis catturati".

Poi, in un Tweet successivo: "Come ho detto in passato, se la Turchia fa qualcosa che io, nella mia insuperabile saggezza, considero off limits distruggerò e annienterò l'economia della Turchia (l'ho già fatto in precedenza!)". "Gli Stati Uniti - aggiunge - hanno fatto molto di più di quanto ci si potesse attendere, inclusa la cattura del 100% del Califfato dell'Isis. É ora che altri nell'area, alcuni molti ricchi, proteggano il loro territorio".