Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

BARCELLONA (SPAGNA) - La manifestazione è indetta dagli indipendentisti dopo la sentenza di condanna dei leader separatisti. La Sagrada Familia ha annunciato la sospensione di tutte le visite per via dello sciopero generale e dei cortei che andranno avanti a Barcellona per tutta la giornata. La prima delle cinque "Marce per la libertà" che sono partite da diverse zone della Catalogna, è arrivata in città dopo aver camminato per tre giorni da Vic e Berga. Gli altri cortei provengono Girona, Tarragona e Castelldefels.

BRUXELLES (BELGIO) - La presidente eletta della Commissione europea ha svelato in conferenza stampa le attribuzioni dei portafogli dei commissari dell'Unione Europea. Paolo Gentiloni è stato designato commissario agli Affari economici dell'Ue: è la prima volta che un italiano ottiene la responsabilità del pacchetto EcFin. L'indicazione dovrà ora essere validata dal Parlamento europeo, che nelle prossime settimane avvierà le audizioni di tutti i commissari nominati dalla leader tedesca. 

KHARTUM (SUDAN) - Il neo premier Abdalla Hamdok, ha svelato il primo governo del dopo-Bashir, un passo importante nella transizione conquistata duramente dal Paese per un governo civile dopo decenni di autoritarismo.

ANKARA (TURCHIA) - Lo dice il presidente turco, parlando al gruppo parlamentare del suo Akp ad Ankara, aggiungendo che "ci sono alcuni leader che cercano di mediare" tra la Turchia e le forze curde nel nord della Siria. Ma "non è mai accaduto nelle storia della Repubblica turca che lo Stato si segga allo stesso tavolo di un'organizzazione terroristica".

LONDRA (REGNO UNITO) - Il primo ministro inglese ed il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker hanno avuto un incontro costruttivo. Johnson ha riconfermato il suo impegno sull'accordo del Venerdì santo e la sua determinazione a raggiungere un accordo senza il backstop, che il Parlamento britannico possa sostenere.

HONG KONG (CINA) - "Troppo poco, troppo tardi" scrive su Twitter il leader del "movimento degli ombrelli" del 2014, poco prima dell'annuncio della governatrice Carrie Lam sul ritiro formale della legge sulle estradizioni in Cina.

DAMASCO (SIRIA) - La Casa Bianca ha dichiarato che la Turchia si appresta a invadere la Siria settentrionale, rinnovando timori per il destino dei combattenti curdi alleati con gli Stati Uniti nella guerra all'Isis. Lo afferma Stephanie Grisham, responsabile della comunicazione della Casa Bianca, in una dichiarazione diffusa dopo un colloquio telefonico tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e quello americano Donald Trump. Nella nota si precisa che le truppe statunitensi "non sosterranno né saranno coinvolte nell'operazione" e "non saranno più nelle immediate vicinanze", cioè nel nord della Siria.

TUNISI (TUNISIA) - La Commissione superiore indipendente per le elezioni (Isie) ha annunciato i primi risultati preliminari delle elezioni presidenziali tunisine, basati sullo scrutinio del 27% delle sezioni sul territorio nazionale. Sembrano essere confermati i dati degli exit poll: in cima alle preferenze il giurista indipendente al 19%, seguito dal magnate Nabil Karoui, in carcere con l'accusa di riciclaggio ed evasione, con il 14.9% che si sfideranno al ballottaggio.

LONDRA (REGNO UNITO) - Il nuovo governo perde il controllo sulla Camera dei comuni. La coalizione Tory-Dup, la cui maggioranza si era ridotta nei mesi scorsi a un solo seggio, è stata infatti abbandonata dall'ex sottosegretario Philip Lee, un oppositore della Brexit, che è passato al gruppo di opposizione dei Liberaldemocratici.

Altri articoli...