Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio
22
Dom, Set

ROMA - M5S, Pd, LeU e Autonomie hanno votano insieme contro le proposte del centrodestra respingendo così la richiesta di modifica del calendario e confermando indirettamente il timing votato in conferenza dei capigruppo ieri che prevede che il premier terrà le comunicazioni a Palazzo Madama il prossimo martedì 20 agosto alle 15. Questo dopo che Matteo Salvini ha aperto al taglio dei parlamentari caro a M5s con una mossa imprevista: "Votiamolo la prossima settimana e poi andiamo subito al voto". Non senza aver ammonito i pentastellati: "Pensate 3 volte prima di allearvi con il Pd. In giornata anche Matteo Renzi aveva rilanciato: "Ho voluto lanciare un appello alle forze politiche che oggi ha lo spazio per poter essere accolto. Non darò alibi a nessuno per far saltare l'accordo che il tabellone di Palazzo Madama rende possibile". E intanto Forza Italia dice no all'ipotesi di un accordo con Salvini che comporti una lista elettorale unica. 

ANCONA - Il governatore di Bankitalia si è espresso in questo modo in occasione della "Lezione Giorgio Fuà 2019" ad Ancona, chiedendo misure "sia sul lato dell'offerta sia su quello della domanda". "Un piano efficace" per riattivare la crescita dell'Italia - continua Visco - "richiede di abbandonare definitivamente la facile e illusoria ricerca di capri espiatori - l'Europa, la finanza, i mercati, gli immigrati - per fondarlo invece su un'analisi approfondita dei mali della nostra economia, che metta in primo piano le sfide poste dal cambiamento tecnologico e da quello demografico". 

RAVENNA - La Procura di Ravenna ha aperto un fascicolo contro ignoti sull'episodio del 30 luglio a Milano Marittima in cui il figlio 16enne del ministro dell'Interno fece un breve giro in mare su una moto d'acqua della Polizia di Stato guidata da un agente in servizio. É quanto si deduce dalla richiesta pervenuta nei giorni scorsi al Viminale su delega della magistratura in merito all'identificazione dei due appartenenti alle forze dell'ordine che cercarono di impedire a un giornalista di Repubblica di filmare la scena.

ROMA – Mentre Matteo Salvini continua a spingere per andare al voto il prima possibile, ribadendo la sua teoria di un possibile accordo tra Dem e M5s in vista delle elezioni, il segretario del Pd Nicola Zingaretti smentisce l’ipotesi di un’alleanza con i grillini e invita il Pd ad essere unito. “Il Governo ha fallito, noi non temiamo il voto. Proponiamo una visione alternativa per l’Italia e vogliamo parlare di lavoro, scuola, sanità, investimenti e non di accordicchi“, scrive il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, sulla sua pagina Facebook.

ROMA - L'ex ministro dell'interno è indagato per diffamazione dopo la denuncia presentata a luglio dalla comandante della Sea Watch3. Nelle scorse settimane, in base a quanto si apprende, la Procura di Roma ha proceduto all'iscrizione e ha inviato gli atti a Milano, per competenza territoriale in quanto il leader della Lega ha lì la sua residenza.

Un coinvolgimento diretto nel governo di Nicola Gratteri. Oltrechè di Raffaele Cantone e di Franco Gabrielli. È questa l’idea di Renzi nella fase embrionale delle trattative per la nascita del governo “giallorosso”. È quanto riporta un retroscena de “il Fatto Quotidiano” che interpreta anche con frasi virgolettate il pensiero di Renzi in queste ore. Con ennesimo distacco dalle posizioni di Zingaretti.

ROMA - Il presidente del Consiglio è entrato nell'aula tra gli applausi dei senatori M5S ma non di quelli della Lega. Stringe la mano calorosamente a Matteo Salvini, con cui si scambia due parole all'orecchio: quindi stringe la mano, uno ad uno, a tutti i ministri della Lega in piedi alle sue spalle. Quando si siede, Salvini si accomoda accanto a lui. Conte siede tra i vicepremier Salvini e Di Maio.

ROMA - Il Tar ha disposto la sospensione del divieto d'ingresso nelle acque territoriali italiane della nave secondo quanto sostenuto dalla stessa Ong sottolineando che, sulla base della decisione dei giudici, "ci dirigiamo verso il porto sicuro più vicino in modo che i diritti delle 147 persone, da 13 giorni sul ponte della nostra nave, vengano garantiti". "Alla luce della documentazione prodotta (medical report e relazione psicologica" e "della prospettata situazione di eccezionale gravità ed urgenza" si giustifica "la concessione della richiesta" per "consentire l'ingresso della nave Open Arms in acque territoriali italiane e quindi di prestare l'immediata assistenza alle persone soccorse maggiormente bisognevoli". É quanto rileva il Tar del Lazio accogliendo il ricorso di Open Arms.

Altri articoli...