Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

Violenza sulle donne: Cdm approva Codice Rosso

Politica Italia
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

ROMA - È stata creata una corsia preferenziale per le denunce e sono state predisposte delle indagini più rapide sui casi di violenza di genere. Il decreto legislativo porta le firme del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede e del ministro della Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno. Le denunce per maltrattamenti, violenza sessuale, atti persecutori e lesioni aggravate commessi in contesti familiari o di convivenza, saranno portate direttamente al pm che dovrà sentire la donna entro tre giorni.

Il premier Giuseppe Conte e i ministri hanno indossato un nastrino rosso durante la riunione del governo a Palazzo Chigi. Una scelta simbolica di vicinanza alle donne vittime di violenza da parte del Consiglio dei ministri.

"Per noi, contrastare la violenza domestica e di genere, è un'azione che va qualificata con codice rosso" come quello che negli ospedali contraddistingue il diverso livello degli interventi di urgenza. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte al termine della seduta

Il ddl Codice Rosso prevede tempi veloci non solo per quanto riguarda i tempi di ascolto del magistrato delle persone che porgono denuncia: "anche le fasi successive avranno tempi immediati. La polizia dovrà procedere senza ritardo e allo stesso mondo sempre senza ritardo dovrà dare riscontri al magistrato". Lo ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede che commenta: "la semplicità di questa legge è anche la forza di questa legge".

"Ci sono donne che sono morte in attesa di giudizio dopo aver presentato la denuncia" delle violenze subite. Lo ha detto il ministro per la Pubblica Amministrazione Giulia Bongiorno nella conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri che ha approvato il Codice Rosso.