Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

Seggi aperti per Europee, domani si vota per Regionali e Comunali

Politica Italia
Grafica

ROMA - Hanno aperto questa mattina alle 7:00 i seggi per l'elezione dei 76 eurodeputati componenti del Parlamento europeo spettanti all'Italia. Si vota anche in Piemonte per l'elezione del presidente e il rinnovo del Consiglio regionale e in 3.800 comuni per i sindaci e i consigli comunali. Sono 50.952.719 gli elettori per le europee, 16.053.792 gli elettori per le comunali e 3.616.010 per le regionali in Piemonte. I seggi chiuderanno alle 23. Subito dopo inizierà lo spoglio delle schede partendo da quelle per le elezioni europee. Domani alle 14 inizierà quello per le Regionali e le Comunali. Anche oggi, giornata di votazione, vige il "silenzio elettorale".

Per le elezioni europee i seggi sono aperti in 21 Stati Ue per eleggere 750 eurodeputati: oltre all'Italia, la Germania, la Francia e la Spagna. Nei giorni scorsi si è votato in Gran Bretagna, Olanda, Irlanda, Repubblica. Sono consultazioni europee ma sembrano elezioni politiche: il governo Conte rimarrà in carica? La coalizione gialloverde sarà ancora maggioranza nel Paese? La Lega sfonderà o meno quota 30%? La seconda forza politica sarà il Movimento Cinque Stelle o il Pd? E Forza Italia resterà sopra la soglia del 10%?

Sono questi infatti i grandi interrogativi che dominano questa concitata vigilia elettorale, giornata in cui irrompe nello scontro politico il fallimento di Mercatone Uno, 55 punti vendita in tutta Italia per 1800 dipendenti a rischio. Uno shock per il governo, tanto che il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, annuncia di aver anticipato a lunedì il tavolo sulla vertenza al ministero. Ma è il suo alleato-antagonista, Matteo Salvini, a bruciarlo sul tempo: "Mi impegnerò personalmente incontrando sindacati, lavoratori, fornitori e proprietà, non si possono lasciare dipendenti a casa senza rispettare gli impegni presi", dice sui social il ministro dell'Interno. Pd e sinistra all'attacco chiedono al capo politico dei Cinque Stelle di riferire in Parlamento. Anche Giorgia Meloni (FdI) chiede al governo "un intervento tempestivo"