Transparent
26
Dom, Gen
3 New Articles

Ferro, ritardi pagamenti Arcea pesano su agricoltori

Politica Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

REGGIO CALABRIA - "I produttori agricoli calabresi continuano ad essere penalizzati dall'inefficienza e dall'incapacita' gestionale del sistema regionale che non effettua i trasferimenti ai legittimi beneficiari, nonostante disponga di consistenti risorse che potrebbero alleviare gli effetti di un'annata resa difficile dalla siccita' che ha compromesso la produzione di olive e agrumi".

E' quanto afferma, in una nota, il consigliere regionale Wanda Ferro (Gruppo misto) che, sulla vicenda dei mancati trasferimenti da parte dell'Agenzia regionale annuncia la presentazione di un'interrogazione. "Risulta che Arcea - prosegue Ferro - abbia una giacenza media, presso la tesoreria in Banca d'Italia, di circa 70 milioni di euro, soldi destinati e vincolati dalla Ue per i premi in agricoltura che non vengono trasferiti ai produttori agricoli. Si tratta di risorse preziosissime per l'economia agricola del territorio, che vengono pero' bloccate senza alcun comprensibile motivo. Mentre l'Agea ha predisposto un pagamento di anticipo della Domanda unica 2017 per una cifra di oltre 350 milioni e per oltre 95 mila beneficiari, l'Agenzia regionale calabrese e' in attesa di avviare le procedure di liquidazione dell'acconto Du 2017, pur avendo in cassa oltre 70 milioni di euro, con la conseguenza di fare slittare il pagamento dell'anticipo a meta' novembre". "Solo ieri, con oltre un anno di ritardo rispetto alla norma - sostiene ancora il consigliere regionale del Gruppo Misto - Arcea ha mandato in pagamento circa 7.200 posizioni relative agli anni precedenti, e cioe' Du 2015 e 2016 e Psr anno 2016. Ci chiediamo a questo punto quale sia l'utilita' di avere un organismo pagatore in Calabria, se l'effetto e' quello di essere un ulteriore ostacolo, anziche' un sostegno, alla crescita dell'imprenditoria agricola calabrese. Dopo aver discusso della gestione delle fondazioni commissariate, sarebbe opportuno convocare un Consiglio regionale ad hoc per discutere di tutti i problemi che investono un settore, quello dell'agricoltura, che e' trainante per l'intera economia calabrese".