Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

Abramo,''No a nuova facoltà di medicina al​l’Unical''

Politica Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“L’esigenza che la commissione regionale alla Sanità, e subito dopo il Consiglio, tornino a riunirsi per superare gli intoppi che hanno indotto il Governo nazionale a impugnare la legge sull’integrazione delle aziende ospedaliere Pugliese-Ciaccio e Mater Domini deve ritornare al centro dell’agenda politica calabrese”.

Lo ha detto il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, che ha spiegato: “Per questo mi trovo costretto a rinnovare l’invito ai componenti della commissione e di tutto il Consiglio regionale, perché si trovi finalmente la quadratura del cerchio per superare le criticità evidenziata sia dal Governo che dalla struttura commissariale e garantire l’unica misura concreta per razionalizzare e potenziare il comparto sanitario del capoluogo e della fascia centrale della Calabria, e per garantire all’Università Magna Graecia, nella quale ha sede l’unica facoltà di medicina della regione, le giuste basi per un suo nuovo sviluppo, indispensabile sia sul fronte assistenziale che per quello accademico delle Scuole di specializzazione, alcune delle quali non hanno ricevuto l’accreditamento ministeriale a causa del numero di prestazioni erogate”. Abramo si dice d’accordo con l’allarme lanciato di recente dalla deputata di Fratelli d’Italia Wanda Ferro, che ha preso spunto dalla disponibilità del nuovo rettore dell’Unical, Nicola Leone, a ospitare nell’area del campus di Arcavacata, il nuovo ospedale di Cosenza e Rende. CONTINUA LA LETTURA SULLA FONTE UFFICIALE PARTNER: ilfattodicalabria.it

Ascolta "Abramo,''No a nuova facoltà di medicina al​l’Unical''" su Spreaker.