Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

OGGISUD POLITICA

Grid List

“È assolutamente necessario che il centrosinistra presenti una proposta seria e credibile ai calabresi, in vista delle prossime elezioni regionali”. Lo dichiara il Senatore Pd, Ernesto Magorno che continua: “È un concetto che sostengo da mesi in maniera cristallina, senza cercare rifugio, nascondendomi dietro le logiche del Pd nazionale.

Resta agli arresti domiciliari il capogruppo del Pd in Consiglio Regionale, Sebi Romeo, colto da misura cautelare nell’ambito dell’inchiesta “Libro nero”. A deciderlo il Tribunale del Riesame che ha rigettato l’istanza presentata da Romeo quanto e dal maresciallo della Guardia di Finanza in servizio alla Procura generale, Francesco Romeo.

CATANZARO - La rotazione dei dirigenti è uno dei temi più scottanti in Regione Calabria. Proprio ieri l’ufficio stampa della Cittadella ha reso noto che a seguito della delibera della Giunta (numero 391 del 9 agosto) si è aperta la strada alla pubblicazione di una manifestazione d’interesse che coinvolge un elevato numero di dirigenti non generali.

ROMA - Il Tar ha disposto la sospensione del divieto d'ingresso nelle acque territoriali italiane della nave secondo quanto sostenuto dalla stessa Ong sottolineando che, sulla base della decisione dei giudici, "ci dirigiamo verso il porto sicuro più vicino in modo che i diritti delle 147 persone, da 13 giorni sul ponte della nostra nave, vengano garantiti". "Alla luce della documentazione prodotta (medical report e relazione psicologica" e "della prospettata situazione di eccezionale gravità ed urgenza" si giustifica "la concessione della richiesta" per "consentire l'ingresso della nave Open Arms in acque territoriali italiane e quindi di prestare l'immediata assistenza alle persone soccorse maggiormente bisognevoli". É quanto rileva il Tar del Lazio accogliendo il ricorso di Open Arms.

ROMA - M5S, Pd, LeU e Autonomie hanno votano insieme contro le proposte del centrodestra respingendo così la richiesta di modifica del calendario e confermando indirettamente il timing votato in conferenza dei capigruppo ieri che prevede che il premier terrà le comunicazioni a Palazzo Madama il prossimo martedì 20 agosto alle 15. Questo dopo che Matteo Salvini ha aperto al taglio dei parlamentari caro a M5s con una mossa imprevista: "Votiamolo la prossima settimana e poi andiamo subito al voto". Non senza aver ammonito i pentastellati: "Pensate 3 volte prima di allearvi con il Pd. In giornata anche Matteo Renzi aveva rilanciato: "Ho voluto lanciare un appello alle forze politiche che oggi ha lo spazio per poter essere accolto. Non darò alibi a nessuno per far saltare l'accordo che il tabellone di Palazzo Madama rende possibile". E intanto Forza Italia dice no all'ipotesi di un accordo con Salvini che comporti una lista elettorale unica. 

ROMA – Mentre Matteo Salvini continua a spingere per andare al voto il prima possibile, ribadendo la sua teoria di un possibile accordo tra Dem e M5s in vista delle elezioni, il segretario del Pd Nicola Zingaretti smentisce l’ipotesi di un’alleanza con i grillini e invita il Pd ad essere unito. “Il Governo ha fallito, noi non temiamo il voto. Proponiamo una visione alternativa per l’Italia e vogliamo parlare di lavoro, scuola, sanità, investimenti e non di accordicchi“, scrive il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, sulla sua pagina Facebook.

TUNISI (TUNISIA) - Si chiama Mounir Baatour, ha 48 anni, ed è cofondatore dell'associazione "Shams" per la depenalizzazione dell'omosessualità in Tunisia. Si tratta di una prima assoluta nel mondo arabo e in Tunisia, un Paese nel quale l'omosessualità è ancora un reato previsto dall'art. 230 del codice penale e punibile con una pena fino a tre anni di carcere.

MOSCA (RUSSIA) -  La 17enne russa è diventata il simbolo dell'ultima ondata di proteste contro il Cremlino, reo di aver sbarrato la strada ai candidati indipendenti delle municipali di Mosca. La sua foto, che la immortala seduta davanti a nerboruti agenti in tenuta anti-sommossa mentre legge loro la Costituzione russa, è diventata virale ed è stata rilanciata da innumerevoli profili, in patria e all'estero. Una sorta di "Marianna" della rivolta, sintesi perfetta di una generazione che chiede al potere, pacificamente, più diritti e libertà.

LONDRA (GRAN BRETAGNA) - Lo conferma Buckingham Palace in una nota in cui si precisa che il nuovo leader Tory ha accettato la designazione e a ha "baciato la mano" della regina, secondo la formula di rito. Di fronte a Downing Street lo attendono ora i suoi collaboratori e la giovane fidanzata Carrie Symonds, che sarà dunque la sua partner ufficiale anche secondo il protocollo.

Pubblicità s2