Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio
19
Gio, Set

Dalla Calabria alla Puglia, il metodo Teci di Elena Sodano all'Ispe di Lecce

Sociale
Grafica

CATANZARO – Il metodo Teci dell’associazione “Ra.Gi.” di Catanzaro approda in Puglia, all’Ispe, “Istituto per i servizi alla persona per l’Europa” di Lecce. L’Ispe, che comprende cinque strutture residenziali e due centri diurni per persone anziane, ha infatti da poco avviato

una intensa stagione formativa dedicata proprio alla “Terapia espressiva corporea integrata” messa in piedi da Elena Sodano, presidente della Ra.Gi., organizzazione specializzata nella cura delle persone con demenze. Una terapia, la Teci, basata sull’importanza del contatto corporeo nell’ambito della relazione tra terapeuta e paziente per stimolare l’area affettivo-emozionale e contenere per quanto possibile, in modo naturale, gli effetti delle patologie neurodegenerative favorendo la qualità di vita. Il direttore amministrativo dell’Ispe, Maria Domenica Ruggeri, spiega come nasce l’idea di aprire al metodo Teci. Tutto prende il via a novembre scorso al “Forum della non autosufficienza e dell’autonomia possibile” di Bologna che vede tra i relatori Elena Sodano con un suo seminario dedicato alla Teci: “In quell’occasione  - dichiara Ruggeri - la dottoressa Elena Sodano ha spiegato quel che fa nei sui centri”,  nel centro diurno della città di Catanzaro e in quello di Cicala, borgo della presila catanzarese, “e ho capito - prosegue la manager - che quel metodo consente di andare oltre, me ne sono innamorata e sono riuscita a farlo approvare come obiettivo di formazione per i prossimi tre anni”. “Un metodo - sottolinea Ruggeri - che va alla radice dell’anima, un percorso innovativo su cui abbiamo scommesso perché le persone nostre ospiti possono ancora fare, vivere, sperare, entrare in relazione con altre persone, avere progetti di vita, nonostante la non autosufficienza”. “Con questi corsi lavoriamo nella direzione delle relazioni d’aiuto facendo capire come gli operatori possono entrare all’interno del percorso terapeutico con il loro corpo per cambiare il modo del prendersi cura”, spiega dal canto suo Elena Sodano. “Penso che la formazione - aggiunge poi Sodano in merito al dibattito nazionale sul tema della videosorveglianza - sia molto più importante delle telecamere. Penso che gli operatori - conclude la presidente della Ra.Gi. - debbano essere formati e che ci debba essere una grande attenzione da parte dei responsabili delle strutture, soprattutto da parte dei direttori sanitari e dei coordinatori terapeutici, che devono capire se ci sono delle devianze comportamentali da parte dei professionisti della cura e devono guardare negli occhi i pazienti per capire se queste persone ridono, se stanno bene, se sono rigide, se si legge in faccia la loro paura”.