seguici: 

''Uscirai Sano'' al Centro Polivalente di Catanzaro

CATANZARO - Sabato 19 maggio alle ore 18:30 verrà proiettato il docufilm incentrato sulla storia dell'ex ospedale psichiatrico di Girifalco. All'evento, organizzato dall'Associazione Kinema in collaborazione con Il Caffé delle Arti per il ciclo i proiezioni "IndieFrame", sarà presente Barbara Rosanò, una delle registe.

Il film, vincitore di una menzione speciale al festival “Lo Spiraglio” tenutosi presso il MAXXI di Roma lo scorso 6 Maggio, è stato proiettato in diverse città italiane: Napoli (Università L’Orientale), Firenze (Presso San Salvi ex O.P e L’AIP) , Milano (Sguardi Altrove festival e Festival Salute mentale ), Genova (Quarto ex O.P), Vibo (Cinema Moderno), Torino (Psicologia film festival), Lamezia (Tip Teatro) ed è stato visto da più di 2500 spettatori, un risultato più che lusinghiero per un’opera prima.

Informazioni sul docufilm:

"Uscirai sano": con questa frase scolpita nella pietra, nel 1881 viene inaugurato l’Ospedale Psichiatrico Provinciale di Girifalco (CZ). 
In un piccolo paese del Mezzogiorno nasce una grande struttura in grado di produrre, nell'arco di decenni, una rivoluzione nella cura della malattia mentale. Qui i pazienti ritenuti idonei usufruiscono del sistema "open door": possono uscire e vivere il paese, generando una contaminazione unica tra il mondo interno dell’ospedale e quello esterno della comunità. Un ambiente complesso dove convivono solidarietà, paura, amicizia e solitudine. Attraverso gli occhi del protagonista Angelo, questo film documentario racconta i cento anni dell'OP di Girifalco, ripercorrendone la storia, i progressi scientifici ma soprattutto le tante vicende umane dei pazienti che lo hanno abitato con le loro speranze. Perché dietro quella frase c'è una promessa da mantenere: Uscirai Sano.

Regia Barbara Rosanò e Valentina Pellegrino

Con Antonio Marinaro e Francesca Ritrovato

DoP Victorr Torrefiel Vicente
Montaggio Simone Settimi
Sceneggiatura Nicolò Mazza de' Piccioli
Suono Francesco Silipo e Massimo Franceschina
Produzione esecutiva Marco Trocino
Scenografia Paolo Migliazza
Costumi Orlando Cimino
Animazione Marta Cavicchioni
Colonna sonora Chiara Troiano, Michelangelo Ciminale, Stefano Lo Iacono