Transparent
11
Mer, Dic
22 New Articles

Eccellenze enogastronomiche calabresi: nasce il progetto Agronauti dello chef Claudio Villella

Cultura e Spettacoli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

CATANZARO - Vivere la Calabria. Questo è ciò che si percepisce degustando i piatti dello chef Claudio Villella. Un continuo turbinio di emozioni, sensazioni e percezioni, rinchiuse nell'elaborazione di piatti interamente creati con ingredienti Made in Calabria.

Ogni piatto è una scoperta, un viaggio, un'introspezione culinaria che riesce a dare vita ad uno spettacolo di cucina.
Ieri, giovedì 21 novembre, nel suo ristorante L’Olimpo di Catanzaro , Claudio Villela ha presentato ''Agronauti'', un progetto che prevede incontri a tema enogastronomia calabrese. Il nome dato all’iniziativa è un inedito appellativo che si riferisce ai produttori calabresi che si sono uniti a lui per dare vita al progetto, con l’obiettivo di rilanciare il territorio proprio attraverso la sua forza più grande: le eccellenze enologiche e gastronomiche. L’unione di più di 16 realtà insieme alla cucina dello Chef diventano l’espressione di una regione che ha bisogno di trasmettersi e farsi conoscere, una grande rete sempre in divenire e intessuta da più mani, che vuole finalmente puntare sulla grande potenzialità della Calabria come meta di Turismo Enogastronomico.
La qualità della materia, la ricerca e la fantasia hanno fatto da protagonisti in una degustazione fatta di storia e tradizione.
La ricerca continua e l'instancabile voglia di creare sempre qualcosa di nuovo, qualcosa di speciale, di unico al mondo.
Dalla terra al piatto, in un viaggio a km zero mediato da un rapporto diretto con i produttori, tutto contornato dal simpatico racconto di uno chef che ha fatto della sua passione un lavoro, rilasciando tutte le emozioni e la positivà a chi ha la fortuna di degustarne le eccellenze in tavola.
Una cena fatta di dettagli. Ogni ingrediente racchiude un proprio gusto particolare e curato, assemblato in un piatto che diventa un'opera d'arte culinaria.
Un dipinto di sapori che garantisce agli ospiti un'esperienza unica, da togliere il fiato.
Gli Agronauti, capitanati dallo Chef Villella, si mettono in gioco presentando il meglio della loro produzione, dal Cirò allo zafferano, dalla Liquirizia DOP al tartufo del Pollino. Ad ogni appuntamento, che si terrà presso il ristorante L’Olimpo, si alterneranno un agricoltore e un vignaiolo raccontando la storia, le caratteristiche tecniche e organolettiche dei loro prodotti agricoli, mentre in cucina lo Chef Villella penserà a declinarne l’estrema bontà attraverso i suoi piatti. Gli incontri si concluderanno infatti con la degustazione delle speciali ricette e il vino scelto ad accompagnare.
Il primo di questi appuntamenti si terrà il 29 novembre, con protagonisti La Melanzana Lady Violetta de.co. e lo Zibbì. La melanzana Lady Violetta de.co. di Longobardi è dolce, compatta, poco acquosa, con pochi semi e dalla buccia liscia e sottile. Lo Zibbì è la prima etichetta dell’azienda Mazzarò: zibibbo secco dai sentori floreali di ginestra e zagara ed erbacei di macchia mediterranea, fruttati di pesca e melone con un finale sapido.
Il neologismo Agronauti con cui lo Chef definisce i suoi produttori, si rifà al mito degli Argonauti che vede protagonisti 50 eroi riuniti sotto la guida di Giasone a bordo della nave Argo alla conquista del vello d’oro. Un mito preso in prestito dall’antica Grecia, proprio come il nome del Ristorante l’Olimpo. Il collegamento è spontaneo con i 16 produttori calabresi, riuniti dallo chef Claudio Villella per accompagnarlo in questo viaggio alla scoperta delle migliori materie prime della regione Calabria. La melanzana Lady Violetta e lo Zibbì primi protagonisti. A seguire: il Tartufo del Pollino Sapori di Bosco di Gugliuccello, Cantine Cundari, Zafferano del Re, i vini di Cataldo Calabretta, il riso carnaroli di Sibari di Masseria Fornara, Cantine Colacino, i caprini dell’Azienda Agricola Sant’Anna, i vini di Sergio Arcuri, i micro ortaggi di Ghea di Andrea Colicchia, i vini di Magna Grecia, il Caciocavallo di Ciminà, i vini di Le Moire, la Liquirizia DOP Nature Med e i vini di Russo&Longo.
L’intento è quello di far conoscere sempre più prodotti calabresi, ancora sconosciuti o troppo poco considerati, per poterli raccontare e comunicare al resto d’Italia e creare una base solida per un Turismo Enogastronomico consapevole e mirato in Calabria.
Claudio Villella, nato nel 1974, frequenta la scuola alberghiera di Paola avviando il suo percorso in cucina. Si allontana dalla sua Regione nel 1997 trasferendosi in Piemonte e approfondendo l’arte della cucina classica con una reinterpretazione mediterranea. Nel 2003 torna nella sua regione perché convinto che si possa fare alta cucina anche con i prodotti calabresi.
“La mia cucina parla Calabrese. Nei miei piatti c’è la storia della mia terra, ci sono le sue infinte meraviglie gastronomiche. Le più note e quelle sconosciute. Chi siede alla mia tavola, fa un viaggio nel gusto e nella cultura gastronomica, che si conclude con un sorriso.”
Quando ancora non si parlava di km zero e di territorio, anzi gli chef puntavano a una cucina internazionale, lui raccontava in ogni piatto i prodotti e i fornitori. Pur facendo alta cucina, infatti non si è mai definito un artista, bensì uno chef artigiano. Il motivo per cui si presenta questo progetto è la voglia di far conoscere e valorizzare i prodotti della regione, tramite le parole del produttore stesso e l’interpretazione che ne fa lo chef nel piatto.
Sorridere di gusto, amare gli accostamenti, conoscere le provenienze e rappresentarne la bellezza. Questo è ciò che ci insegna la cucina di Claudio. Un viaggio che parte dalle radici, dal cuore e dalle emozioni, per arrivare direttamente ai nostri occhi, passando dal gusto.
Il team di TIMO-Studio Enogastronomico hanno mediato l'incontro, ponendo l'attenzione su alcuni particolari che, oggi, tendiamo a non considerare, lasciando sempre in disparte alcune cose importanti che rendono unica ogni esperienza in tavola.
Un incontro fatto di cultura che avvia un percorso interessante e di successo in una Regione che rappresenta il nucleo centrale di materie prime senza rivali.


Seguono le date dei prossimi eventi presso il ristorante ''L'Olimpo'':
29 Novembre
20 Dicembre
7 Febbraio
21 Febbraio
20 Marzo
24 Aprile
22 Maggio
19 Giugno