Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

Il fascino del castello Gallelli saluta l’anteprima del Festival Insegui l’arte

Cultura e Spettacoli
Grafica

Il borgo di Badolato si prepara alla 4^ edizione del festival della ri-conoscenza, attraverso un’anteprima dedicata interamente all’eleganza della musica lirica.

BADOLATO - Un inizio di grande eleganza per il Festival Insegui l’arte che, presso lo splendido castello Gallelli, ha lanciato la manifestazione prevista dal 19 al 25 agosto a Badolato.  Un’anteprima, quella dell’8 agosto, che ha visto protagonista la musica colta per dare un assaggio di quello che sarà la 4^ edizione della kermesse.

La serata, impreziosita dall’esibizione del Bel Caldo Ensemble, ha regalato ai tanti spettatori un concerto lirico grazie alla voce del soprano Rosaria Buscemi ed alle arie eseguite da Massimo Celiberto al corno, Ivan Nardelli al flauto traverso, Fabrizio Luchetta al clarinetto ed Alessandro Vuono al pianoforte. Applausi a scena aperta hanno accompagnato l’esibizione dei musicisti, sfociata nel duetto con il tenore Alessandro D’Acrissa, direttore organizzativo della manifestazione, che ha voluto fare il suo omaggio al pubblico del Festival. Non è mancata la presenza dell’amministrazione comunale che ha ringraziato il direttore artistico, Josephine Carioti e gli organizzatori di un evento che genera un importante indotto turistico ed economico pur non potendo usufruire del contributo dell’ente comunale a causa delle sue difficili condizioni finanziarie. Una serata che è stata possibile grazie alla generosità dei baroni Gallelli, che hanno aperto gratuitamente le porte della loro dimora nobiliare a cittadini e turisti.

L’appuntamento, dunque, è per il 19 agosto a Santa Barbara nel borgo di Badolato con un vernissage a partire dalle ore 22 e lo spettacolo Uccelli in parata degli artisti di strada di Amarte Teatro-P. Alle ore 23, al Bastione, Adamà – Musiche tra cielo e terra con Nando Brusco voce e percussioni ed Emanuele Filella al violino.

Un ricco cartellone che prevede 23 mostre ed installazioni che abbracceranno la pittura, la fotografia, il design e l’artigianato; 3 laboratori che uniranno in un vortice la danza afrocubana, gli acquerelli e la fotografia; 6 presentazioni di libri, di cui due doppie e due sotto forma di concerto; 2 spettacoli teatrali7 concerti che si chiuderanno con quello della cantante indie Erica Mou; un percorso enogastronomico e 2 escursioni.