Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

Summer Arena, successo annunciato per concerto di Irama. Domani è il turno della ''Tosca''

Cultura e Spettacoli
Grafica

SOVERATO - Hanno cominciato ad arrivare fin dal mattino a Soverato, i fan di Irama. In tantissimi hanno risposto positivamente all’appello della Summer Arena, che domenica sera ha ospitato l’unica data regionale del tour “Giovani per sempre” nell’ambito della programmazione della Esse Emme Musica di Maurizio Senese, e hanno riempito il campo Marino in festa.

Giovanissimi e per lo più giovanissime, hanno colorato la Summer Arena e intonato i brani del cantante dalla prima all’ultima strofa, preparatissimi. Da “Tornerai da me” a “Non mollo mai” che avevano rispettivamente aperto la serata e salutato il pubblico calabrese, il concerto di Irama è stato una partecipazione continua dei presenti, mentre dal palco il protagonista snocciolava i suoi brani più o meno noti, compresa “Arrogante” – l’ultimo singolo -, “La ragazza col cuore di latta” che ha portato all’ultimo festival di Sanremo, le famose “Nera”, “Un giorno in più” e “Bella e rovinata”. Ha ringraziato per averlo ospitato in “questa bellissima terra”, Irama che con una mise interamente leopardata ci ha messo poco a conquistare gli spettatori, insieme ai suoi musicisti e coristi, dal palco della Summer Arena.

Dopo la grande apertura con Francesco De Gregori, il sold out di Salmo e l’ultimo successo del concerto di Irama, la Summer Arena si appresta adesso a ospitare, per la prima volta nella sua seppure breve storia, la lirica: domani sera, 14 agosto, a salire sul palco del campo Marino ci sarà un fuori programma con “Tosca” di Puccini nell’allestimento dell’OperaMusica Festival, coprodotto con Publidema, il progetto lirico promosso dall’associazione Traiectoriae in collaborazione con Orchestra e Coro Cilea, diretti dal maestro Matteo Beltrami e dal maestro Bruno Tirotta. Protagonisti sul palco saranno il soprano Paoletta Morrocu, il tenore Mikheil Sheshaberidze, il baritono Ventseslav Anastasov. Le scene sono di Polina Gerasimova, la regia di Orlin Anastassov.