Spaccio di stupefacenti: due arresti a Gimigliano e uno a Maida

Cronaca Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nella mattinata del 16 ottobre a Maida, Carabinieri della Compagnia di Girifalco hanno tratto in arresto in flagranza di reato un cittadino maidese, classe 61’, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Durante una perquisizione nella sua abitazione, M.A. è stato trovato in possesso di circa 22 grammi di eroina, suddivisi in tre involucri di plastica,

due bilancini di precisione, 8 flaconi di metadone e materiale per il confezionamento delle dosi, nascosti tra i mobili del soggiorno. L’uomo é stato tradotto presso la casa circondariale di Catanzaro Siano, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria lametina.

Carabinieri Stupefacenti


Nella giornata di ieri i militari delle Stazioni di Pentone e Gimigliano, collaborati dal nucleo cinofili di Vibo Valentia hanno tratto in arresto due persone, padre e figlio residenti a Catanzaro, con l'accusa di produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari di Pentone già da diverse settimane avevano notato i due, sconosciuti in paese, recarsi in diverse ore del giorno e della notte in un terreno ai confini tra Pentone e Gimigliano risultato di loro proprieta. Tali movimenti erano apparsi sospetti proprio perché anche in orari notturni i due si recavano nel terreno.

Carabinieri Stupefacenti Piantine

Nella giornata di ieri, volendo quindi approfondire, hanno effettuato una perquisizione con l'aiuto di due unità cinofile. L'attività ha portato al rinvenimento di numerosi sacchi di juta già pieni di foglie e infiorescenze di marijuana. Complessivamente oltre 5 i chilogrammi rinvenuti assieme a diverse piante alte oltre 2 metri ancora nel terreno. Per i due uomini e scattato l'arresto e su disposizione del pm, sono stati ristretti nella propria abitazione catanzarese in attesa di convalida.