Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

Vendita abusiva di elettrodomestici, una denuncia a Reggio Calabria

Cronaca Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

REGGIO CALABRIA - L'accusa è di commercio abusivo in aree pubbliche. I Carabinieri della Stazione di Zungri hanno denunciato un venditore ambulante di 38 anni, P. G., residente a Taurianova, comune del reggino.

Il giovane si era parcheggiato con il suo furgone nei pressi dello scalo ferroviario di Zambrone, nel vibonese, ed aveva avviato la sua attività commerciale di venditore ambulante. Nulla di strano se non ché la merce i vendita non erano vestiti o piccoli oggetti di vario genere ma elettrodomestici di una nota catena commerciale.
Insospettiti dalla strana vendita e dall'atteggiamento del commerciante, i militari hanno deciso di approfondire il controllo richiedendo anche l'intervento degli uomini della Guardia di Finanza di Vibo per gli accertamenti di natura tributaria.
La merce presente sul furgone, del valore complessivo di circa 3000 euro, è stata dunque posta sotto sequestro per essere sottoposta ad accertamenti sulla tracciabilità.
Il 38enne, invece, è stato multato con una sanzione amministrativa di oltre 2500 euro. i Carabinieri della Stazione di Zungri hanno denunciato a piede libero un venditore ambulante di 38 anni, P. G., residente a Taurianova, comune del reggino.
Il giovane si era parcheggiato con il suo furgone nei pressi dello scalo ferroviario di Zambrone, nel vibonese, ed aveva avviato la sua attività commerciale di venditore ambulante. Nulla di strano se non ché la merce i vendita non erano vestiti o piccoli oggetti di vario genere ma elettrodomestici di una nota catena commerciale.
Insospettiti dalla strana vendita e dall'atteggiamento del commerciante, i militari hanno deciso di approfondire il controllo richiedendo anche l'intervento degli uomini della Guardia di Finanza di Vibo per gli accertamenti di natura tributaria.
La merce presente sul furgone, del valore complessivo di circa 3000 euro, è stata dunque posta sotto sequestro per essere sottoposta ad accertamenti sulla tracciabilità.
Il 38enne, invece, è stato multato con una sanzione amministrativa di oltre 2500 euro.