Transparent
Cerca Icona Fb Botton Gif Radio

False perizie per far uscire il boss dal carcere. Nel mirino del procuratore Nicola Gratteri medici e avvocati

Cronaca Calabria
Strumenti
Grafica

CATANZARO - Avvocati di grido, medici legali nominati dai giudici e medici di parte incaricati dalla difesa di Andrea Mantella, ex boss del Vibonese da qualche anno collaboratore di giustizia. Tutti sono stati iscritti nel registro degli indagati della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro che, nei giorni scorsi,

ha notificato l’avviso di garanzia e contestuale avviso di conclusione indagini per false dichiarazioni, false attestazioni a pubblico ufficiale, corruzione in atti giudiziari, favoreggiamento, false dichiarazioni al difensore, concorso esterno in associazione mafiosa. Oltre ad Andrea Mantella, l’avviso di garanzia è stato notificato ai suoi ex avvocati Salvatore Maria Staiano e Giuseppe Di Renzo, ai medici legali Massimiliano Cardamone, Francesco La Cava e Mauro Notarangelo, ai medici Silvana Albani, Luigi Arturo Ambrosio (legale rappresentante della clinica “Villa Verde”), Domenico Buccomino, alla consulente di parte Sabrina Anna Maria Curcio. Ma anche ad Antonio Falbo, Santina La Grotteria (ex compagna di Mantella), Francesco Lo Bianco, l’ingegnere minerario Sergio Lupis 48 anni, di Vibo e ai due consulenti tecnici Massimo Rizzo e Antonella Scalise. CONTINUA LA LETTURA SULLA FONTE UFFICIALE: CLICCA QUI ::Ilfattodicalabria.it::