seguici: 

ROMA - A tre settimane dall'apertura dello "sportello" web, questo è il numero di domande - già presentate o in compilazione - per l'incentivo del governo rivolto ai giovani under 36 che vogliono fare nuove imprese nel Mezzogiorno.

Cosa comprano gli italiani in rete? Soprattutto articoli per la casa, l’auto e smartphone. Quest’ultimo, in particolare, che rientra nelle spese non economiche e non indispensabili, viene venduto a un ritmo impressionante: gli utenti acquistano uno smartphone - generico - al minuto, mentre ogni 8 minuti va via un iPhone. Sono i dati elaborati da eBay relativi agli acquisti effettuati nel 2017 sul gigante dell’ecommerce. Dalla passione per il fai da te al cambio gomme, fino all’entertainment, ecco cosa comprano gli italiani su internet.

Quasi 4 milioni di italiani a letto con febbre alta e dolori articolari, una diffusione che, negli ultimi 15 anni, è paragonabile solo alle stagioni 2004-2005 e 2009-2010. Quest'anno l'influenza è da record, anche se il picco molto probabilmente è stato appena raggiunto, e forse, ma il condizionale è d'obbligo, il peggio è passato.

Ha preso il via in occasione dei saldi invernali l’importante collaborazione fra il marchio d’abbigliamento francese Camaieu e ActionAid in favore dei diritti delle donne. Dall’8 gennaio, infatti, in tutti i negozi Camaieu d’Italia, è possibile supportare il progetto Donne: identità al lavoro, scegliendo di arrotondare in eccesso alla cassa il totale della propria spesa e di donare ad ActionAid.

Ermal Meta e Fabrizio Moro sono stati riammessi al Festival di Sanremo. Ma l’accusa di plagio e i controlli effettuati non hanno intaccato nemmeno un pò il loro percorso radiofonico. Secondo il sito Sanremo.Radioairplay, “Non mi avete fatto niente” resta salda al primo posto dei brani sanremesi con più passaggi in radio. E non importa se c’è qualche similitudine con “Silenzio”, il brano presentato al Festival nel 2016 ma scartato, scritto da Andrea Febo, lo stesso autore di quello del duo. Per la giuria il brano è “nuovo”, ma il popolo della radio aveva giù deciso.

"Aboliamo tutte le tasse universitarie" è la proposta lanciata dal presidente del Senato Pietro Grasso dal palco dell'assemblea nazionale di Liberi e uguali, dove ha specificato che la misura "costa 1,6 miliardi". La platea degli studenti che già gode dell'esenzione è nondimeno già pari a un terzo del totale, grazie al cosiddetto 'Student act' che con la legge di bilancio del 2017 ha incluso nella 'no tax area' un iscritto su tre, prevedendo l'esenzione totale per chi sia in possesso di determinati requisiti di reddito e di merito.

Altri articoli...