fbpx
Transparent
Cerca Icona Fb Yt Botton Gif Radio
Otticacenter 985 100

Asp Catanzaro: obiettivi e budget definiti per rientrare nel disavanzo 2018

Attualità Calabria
Grafica
(Tempo di lettura: 2 - 4 minuti)

CATANZARO - È successo ieri durante la riunione del Collegio di Direzione dell’Asp di Catanzaro, su convocazione del Direttore Generale Amalia De Luca.

L’ordine del giorno era la definizione del budget per l’anno 2019 quale strumento di programmazione annuale con cui si individuano gli obiettivi, in coerenza con la programmazione aziendale, si assegnano le risorse e si avvia il monitoraggio del processo.
L’unità operativa complessa programmazione e controllo, diretta da Carmine Dell’Isola, ha predisposto il programma di attività delle singole strutture e gli obiettivi da conseguire per l’anno 2019; si tratta comunque di un documento suscettibile di modifiche, a seguito di eventuali ulteriori indirizzi del superiore Organismo regionale.
L’Asp di Catanzaro ha comunicato al Commissario Saverio Cotticelli ed al Sub Commissario Thomas Schael che a fronte di 475 unità di personale autorizzate con DCA, sono state assunte 361 unità, di cui 29 stabilizzati; di queste assunzioni ben 154, pari al 42% del totale, sono state completate nel primo quadrimestre dell’anno in corso. Rimangono da assumere 85 unità, di cui 72 del ruolo sanitario (medici in prevalenza).
Presenti all’incontro i componenti dell’organo aziendale: direttore amministrativo Elga Rizzo, direttore del dipartimento di staff Carmine Dell’Isola, direttore sanitario di presidio unico Antonio Gallucci, direttore del dipartimento cure primarie Maurizio Rocca, direttore del dipartimento emergenza urgenza Anna Monardo, direttore del dipartimento area medica Ettore Greco, direttore del dipartimento area chirurgica Livio Perticone, direttore del dipartimento di prevenzione Giuseppe De Vito, direttore del dipartimento salute mentale e dipendenze Franco Montesano, il direttore dipartimento area dei servizi Domenico Donato, il direttore del dipartimento funzionale centrale operativa Suem Antonio Talesa, il dirigente delle professioni sanitarie Salvatore Fuina .

Amalia De Luca in apertura dei lavori, in piena sintonia con il direttore amministrativo Elga Rizzo, ha voluto sottolineare che per tutte le decisioni di rilevanza strategica la direzione si avvarrà del parere del collegio di direzione, importante organo dell’azienda, composto da tutti i direttori dei dipartimenti, dei distretti sociosanitari, del presidio ospedaliero unico e dal direttore della uoc programmazione e controllo. È solo attraverso il confronto tra direzione strategica e i professionisti che si possono operare le scelte più opportune.
Il direttore generale ha quindi informato i componenti del collegio di direzione sui contenuti della riunione, svoltasi il 10 maggio scorso presso il dipartimento tutela della salute, su convocazione del sub commissario Thomas Schael, nel corso della quale è stata ribadita la necessità di assicurare nelle aziende sanitarie ed ospedaliere la continuità nella gestione ordinaria delle attività per il tramite non solo dei cosiddetti “reggenti” ma attraverso l’impegno dei dirigenti tutti. È stato poi affrontato il tema del contenimento della spesa, che secondo le proiezioni del I° trimestre2019 è destinata a crescere, specie per effetto della gestione straordinaria, legata al contenzioso. Infine si è discusso dell’assunzione di personale, che potrebbe a breve subire un blocco per effetto delle determinazioni del tavolo di verifica ministeriale.
Ha preso poi la parola il direttore amministrativo Elga Rizzo, che dopo aver espresso piena condivisione di intenti con Amalia De Luca, ha ricordato come la struttura commissariale abbia espresso la volontà che le Aziende completino le procedure di reclutamento del personale in itinere. Elga Rizzo ha fatto poi riferimento alla situazione economico-finanziaria; nei prossimi giorni dovrà essere approvato il bilancio di esercizio 2018, che è in fase di consolidamento e sono stati già calendarizzati i prossimi incontri con la Struttura Commissariale e con l’Advisor Regionale, per discutere i dati definitivi. La situazione rimane delicata per via della gestione economico finanziaria intervenuta nell’anno 2018, che ha portato ad un peggioramento del disavanzo, per cui per il raggiungimento dell’equilibrio occorrerà un impegno biennale.

Ha infine illustrato come nell’anno in corso sia stato aggiornato l’organigramma dei dirigenti amministrativi con l’assegnazione di nuovi dirigenti: in particolare Viviana Marasco all’Area Risorse Umane, con decorrenza 1° marzo 2019, Nicola Voci, già responsabile aziendale dell’anticorruzione, all’Area Acquisizione Beni e Servizi, Sabrina Caglioti all’Ufficio Legale, rafforzando così i settori amministrativi che rappresentano un importante supporto per le attività sanitarie. Anche gli Affari Generali sono stati interessati da un potenziamento dei dirigenti e ciò ha favorito la sistematizzazione delle procedure di pubblicazione delle delibere e delle determine aziendali. Il controllo dei costi resta affidato a Carmine dell’Isola, professionista di comprovata esperienza.

Dal mese di dicembre 2018 era stato assegnato al settore economico finanziaria Massimiliano Ferraro, con funzioni di dirigente responsabile; registriamo in data odierna le sue dimissioni, che certamente comporteranno un grave problema di gestione di questo importante settore così nevralgico per l’azienda. Infine si è passati all’esame delle schede di budget per singola articolazione aziendale.

MC ULTIMO 03042019